Chi siamo

PDFStampaE-mail

L’Associazione culturale il Liocorno,  nasce nel 2005,  dalla volontà di due delle tre fondatrici, Rosaria Iodice e Marta Noviello, da sempre impegnate nel campo culturale e nell’organizzazione di eventi.

In modo particolare nel 2003/2004  con l’associazione Pangeadonne, organizzano due edizioni di Città delle donne, una settimana di eventi tenuta nei luoghi più rappresentativi di Bari, volta a valorizzare la cultura femminile.  Iniziative realizzate con il patrocinio della Provincia di Bari, della Sovrintendenza e del Comitato Pari Opportunità dell’Ordine degli Avvocati di Bari.

Negli anni successivi collaborano con la Vallisa per la realizzazione di eventi letterari e per la celebrazione dei venti anni di attività della struttura, organizzando incontri, tra gli altri, con Marcello D’Orta, autore del best sellers “Io speriamo che me la cavo”, Alessandra Faiella, Paola Calvetti, Barbara Alberti.

Appassionate di pittura, letteratura, poesia, arte e musica decidono, dopo queste esperienze, di creare uno spazio autonomo dove poter sperimentare le più diverse forme di arte, dando vita a un laboratorio di idee  e a un modo nuovo di far cultura, che arrivi direttamente al cuore della gente, senza per questo apparire accademica o riduttiva.

Il recupero delle  antiche  cantine  di una fabbrica rinascimentale in pietra, in degrado da decenni, diventa l’occasione per  creare gli spazi necessari per sviluppare il proprio progetto e diventare nel contempo  il motore propulsore della rinascita culturale del centro antico di Bitetto. I lavori di ristrutturazione durano 5 anni, ma nel 2010 finalmente l’associazione può  iniziare le sue attività .

La scelta del nome e del simbolo è legato a due motivazioni di base. Il Liocorno è nello stemma della città di Bitetto, e quindi un simbolo di appartenenza al territorio,  ma è anche una figura mitica, che rievoca scenari legati alla fantasia e all’immaginazione, alla magia e alle favole.

Scopo del Liocorno infatti è quello di creare eventi capaci di emozionare e coinvolgere le persone, in uno scenario unico e carico di suggestioni, che permetta di avvicinarsi alla cultura  in un modo diverso da quello convenzionale. Tra i progetti del Liocorno, l'avvio di una libreria, di una casa editrice,  che in controtendenza con il mercato editoriale, riesca a veicolare e investire sui talenti e non sui nomi. Tratto distintivo è la passione e la cura di ogni evento, perché senza amore la cultura rischia di diventare soltanto un masso pesante sotto cui finiscono i migliori propositi.

L’associazione è aperta a qualunque forma di collaborazione  e contaminazione con altre realtà presenti sul territorio e si apre a qualunque proposta, pur rimanendo selettiva nelle scelte da compiere nel solco della qualità.

L’associazione è apartitica e contro qualsiasi forma di discriminazione.